Corso base

Indietro

Il “percorso clown” ha inizio frequentando il Corso Base di Formazione. Tale corso si svolge in un weekend prefissato dall’associazione, vedi la sezione prossimo corso base per vedere quando è previsto il prossimo corso base a Roma.
Diventare volontario clown VIP è un’esperienza meravigliosa, al corso base di formazione si incontrano persone che hanno in comune gli stessi valori ed ideali di solidarietà, si condividono esperienze e si acquisiscono abilità.
Il corso ha un costo complessivo di 190 € così suddivise: 25,00 € per la tessera associativa e 165,00 € per il corso, il quale è tenuto da docenti-formatori professionisti dell’ Associazione di Promozione Sociale V.I.P. A.P.S. di Torino, leader nel campo della formazione in Clownterapia dal 1997.

Il corso è suddiviso nei seguenti moduli:

1° MODULO: Tecniche psicomotorie e di clownerie

OBIETTIVI: La ricerca del proprio clown, di quel particolare stato d’animo in cui esplorare le proprie debolezze e contraddizioni per sottolinearle, valorizzarle e estremizzarle così da trasformarle in un dono comico. E’ la ricerca dell’apertura e vulnerabilità che permettono di giocare con la creatività del bambino e il rigore dell’adulto, alla scoperta della poetica del ridicolo. La base della comicità del clown è il “non voler far ridere”, accettare questo è la chiave per suscitare nel pubblico la risata.

FINALITÀ: Una volta indossata la maschera più piccola del mondo (il naso rosso) verranno analizzate le tecniche del clown (andature, tempi, controtempi, livelli di energia, routine, gag) e le sue relazioni (entrate, fiasco, gerarchie, famiglie, improvvisazioni con gli oggetti e con il pubblico).Scopriremo il suo costume e il suo carattere, studieremo alcune situazioni e numeri “classici”.

PROGRAMMA:
– La ricerca del proprio clown
– Uso dello spazio scenico
– Ricerca del proprio personaggio clown
– Il mimo e il punto fisso
– Gags
– Mimo e storie mimate
– Sculture di palloncini
– Tecniche base di clownerie

2° MODULO: Crescita personale

OBIETTIVI: Approfondire il ruolo dei fattori emotivi e affettivi connessi sia al processo di relazione volontario-paziente, sia alla gestione delle dinamiche di gruppo.

FINALITÀ: Favorire un percorso di auto-scoperta, accettazione e autostima. E un buon lavoro di equipe tra i volontari stessi.

PARTE TEORICA:
– La Comunicazione, il porsi positivamente verso la vita
– Il lavoro di equipe nelle strutture sanitarie

PARTE PRATICA:
– Esercizi sulla fiducia
– Esercizi sulla comunicazione
– Esercizi sulla sintonia
– Giochi di ruolo

3° MODULO: Giocoleria e micromagia

OBIETTIVI: Sviluppare la concentrazione, l’equilibrio, la collaborazione, la capacità di “prendersi in giro”, di ridere di sé, di sdrammatizzare e drammatizzare i propri limiti.

images

FINALITÀ: Il fine è non solo insegnare tecniche, ma trasmettere anche il divertirsi a giocare e, attraverso il gioco, imparare a conoscere meglio il proprio corpo, le proprie potenzialità, a mettere in moto i due emisferi del cervello (soprattutto attraverso la giocoleria), il proprio equilibrio.

PARTE PRATICA:
– Giocoleria
– Micromagia

4° MODULO: Igiene e comportamento in ospedale

OBIETTIVI: Acquisizione dei concetti di salute e dell’importanza della prevenzione delle malattie e degli infortuni al fine di conseguire la consapevolezza dell’importanza dell’igiene, in modo da assumere atteggiamenti e comportamenti adeguati. Si prenderà in considerazione non solo il contesto ospedaliero, ma anche l’ambiente esterno, le strutture sociali, luoghi di incontro in genere.

FINALITÀ: Prevenire le malattie, educare alla salute, promuovere la salute: descrivere gli elementi che caratterizzano le tre azioni indicate e individuare gli interventi che le perseguono.

MATERIE DI STUDIO:
– concetto di salute;
– igiene della persona (della cute, del vestiario);
– prevenzione delle malattie infettive;
– igiene nei reparti critici (oncoematologia, rianimazione, terapia intensiva);
– norme di vita comunitaria e rispetto dell’ambiente;